coincidenze

Era destino che questo post dovessi finire per scriverlo in fretta, nonostante ci tenga tantissimo.

Le coincidenze di cui parlo sono a proposito della data di oggi 27 febbraio 2015, giorno in cui aprono due mostre lontane l’una dall’altra e quindi impossibile da attendere entrambe. Decidete voi quale vi risulta più a portata di mano.

juan pablo Macias livornoJuan Pablo Macías – ospite di Guilmi Art Project lo scorso agosto -, alla Galerie21 a Livorno ripropone i muri incisi con degli estratti di The Anarchist Doctrine Accessible to All, scritto nel 1925 dall’anarchico José Oiticica. Le pareti erano state prodotte a Villa Romana, Firenze,  in occasione della prima release di WORD+MOIST PRESS, il nuovo progetto editoriale dell’artista messicano. La release è stata proprio la traduzione del libro su citato, dal portoghese all’inglese, ad opera del collettivo Agência Transitiva. [se invece siete di passaggio a Città del Messico, vale la pena di fermarsi da Marso, la galleria della giovanissima Sofia Mariscal, dove è in corso Sobre Negro, un progetto curato da Michel Blancsubé, appunto sui Los Negros, Arturo Hernández Alcázar, Mario de Vega y Juan Pablo Macías. Pare che sia da vedere!]

Elena Mazzi, ancora una volta con Elisa Strinna, è invece ospite di Carlos Garaicoa da oggi fino al 6 marzo nel suo studio di Madrid, con la mostra Open Studio 10.0 Una singularidad desnuda / A Naked Singularity. Con le due artiste tanti nomi non da poco che propongono opere legate al suono [Juan Carlos Alom, Miguel Álvarez-Fernández, Balada Tropical, Massimo Bartolini, John Cage, Tania Candiani, Mircea Cantor, Amir Fattal, Carlos Garaicoa, Shilpa Gupta, Yonel Hidalgo, Vasili Kandinski, Archivo ChakraRPM, Jorge Macchi, Elena Mazzi & Elisa Strinna]. Copio e incollo qui la significativa citazione nel comunicato stampa della mostra: The artist who creates silence or emptiness must produce something dialectical: a full void, an enriching emptiness, a resonating or eloquent silence. Susan Sontag, The Aesthetics of Silence.

unnamed
Massimo Bartolini; Recording, one-off, on 12-inch vinyl record picture disk format, mural painting, record player, amplifier, speakers. Produced by Fondazione Musica per Roma / Edited and published by Radical Matters Editions/Label. Voice: Nicholas Isherwood.

E a proposito  di silenzio eloquente, c’è un’altra coincidenza di cui vogliologo-appunti-e-riflessioni_small sm mettervi al corrente. E’ appena uscito il nuovo numero del magazine di cultura contemporanea Notas Y Reflexiones, di Francesco Ozzola. Qui di nuovo interviene, tra gli altri, Pietro Gaglianò, con un breve scritto proprio sul silenzio, di cui ogni tanto avremmo veramente bisogno.

MEDITERRANEO

Andate su questo link per riscoprire virtualmente il potere delle nuvole, chè a Firenze spesso ce ne dimentichiamo, a meno che non si abiti sull’Arno e sia una di quelle giornate di cambio stagione. Dobbiamo quindi prendere un aereo o andare a Guilmi, sul terrazzo di GAP;-) per ricordarci quanto sia possente il cielo!

cieli guilmi

Passato il primo stupore continuate a navigare nel sito di Heretique Design, perchè potrebbe offrirvi sorpese inaspettate, come queste qui sotto (vedi foto), che mi forniscono la scusa per proporvi un gioco.

GIOCO a PREMI

riservato ai soli

GUILMESI

***Gli artisti con la cittadinanza onoraria sono ammessi a partecipare solo allo scadere di 5 anni dall’acquisizione della stessa***

Chi sono i 4 personaggi nella foto?
– Puoi nominarli singolarmente (a partire da quelli vestiti e da sinistra)?
– e in gruppo?

kinka_ozzola

al vincitore andrà una copia cartacea di APPUNTI E RIFLESSIONI / NOTAS Y REFLEXIONES, il cui # 2, Mediterraneo, che contiene, tra le altre cose, una riconsiderazione del progetto per Guilmi di Marco Mazzoni, che nel 2009 spogliò San Nicola e lo affidò a un gruppo di donne temerarie per ricamarne le nudità e gli orpelli.

Un premio speciale andrà a chi riconoscerà la persona urlante sullo sfondo. Il premio speciale sarà valido fino a quando questa verrà a Guilmi (quindi l’aiuto è che nessun guilmese l’ha mai vista direttamente finora). Il premio consisterà in una maglietta costumabile di GuilmiArtProject!

Mediterraneo si avvale anche della collaborazione di Pietro Gaglianò, che era presente anche nel primo numero di APPUNTI E RIFLESSIONI / NOTAS Y REFLEXIONES. Mi piace rimalcarlo perchè è meglio battere il ferro finché è caldo, anche se credo che la fiamma si Pietro si spegnerà tardi – semmai dovesse spegnersi…

Se non vincete o non siete guilmesi, ma desiderate comunque la versione cartacea di Mediterraneo, seguite quest’ennesimo link.

Grazie a Francesco Ozzola per averci invitato ripensare il Mediterraneo con lui  e con Controcarretta della speranza, Nurten Ozkoray, Antonia Alampi, Giulia Gonfiantini, Michelangelo Consani, Daniele Ognibene, Giacomo Costa, Marco Mazzoni / Lucia Giardino, Elena El Asmar / Pietro Gaglianò, Galleria occupata, Love Difference

W i mari del sud!!!