L’arte di curare le mostre

Una serata piacevole, nonostante il mal di testa… sarà la birra bevuta durante la discussione informale?!

L’ARTE DI CURARE MOSTRE. Storie di curatori di progetti per artisti emergenti e non solo.
L’ARTE DI CURARE MOSTRE è un incontro a cura di Adiacenze per indagare lo status della così detta “giovane arte contemporanea” in Italia. Attraverso le tre case history portate dai partecipanti al talk, si indagherà sulle modalità di lavoro del curatore a seconda del luogo, del progetto e delle finalità del rapporto tra curatore e artista emergente per capire le differenti modalità di intervento, i risultati e ciò che ci si attende in futuro.Con:
Lorenzo Balbi, direttore del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
Angel Moya Garcia, co-direttore per le Arti Visive presso la Tenuta dello Scompiglio di Vorno (LU)
Lucia Giardino e Federico Bacci, fondatori di Guilmi Art Project di Guilmi (CH)
Modera:
Daniela Tozzi di Adiacenze

Venerdì 26 ottobre ore 19:30 in occasione del festival BOOM Cantiere Creativo Calderara, presso la Casa della Cultura “Italo Calvino” di Calderara di Reno

Ospiti di Fosca per parlare di Sistemi Complessi

Un progetto a cura di Fosca
in collaborazione con Il Vivaio del Malcantone_centro di ricerca e pratica culturale
con il sostegno di Comune di Firenze nell’ambito della rassegna Estate Fiorentina 2018 e Regione Toscana

La quarta edizione di Fosca in Tepidario_ lectio | ludus | visio avrà come titolo SISTEMI COMPLESSI. Il festival, organizzato da Fosca in collaborazione con il Vivaio del Malcantone, come nei tre anni precedenti, avrà luogo nello spazio monumentale del Tepidarium del Roster all’interno del Giardino dell’Orticoltura. Il tema di quest’anno, esplora il rapporto tra uono/natura e sistema/scienza, ponendo a confronto diverse discipline che indagano sulla corrispondenza tra arte e principi scientifici.

La programmazione sarà suddivisa sulle tre sezioni del festival: lectio_ lezioni e incontri pubblici, ludus_ laboratori e workshop, visio_ performance e spettacoli dal vivo.

Mantenendo la sua dimensione di evento gratuito, Fosca In Tepidario vuole essere ancora una volta un momento di aggregazione, il territorio privilegiato di riferimento è quello del quartiere 5 di Firenze.

Il Tepidario del Roster sarà il cuore pulsante dell’iniziativa, per tre giorni sarà animato da diverse attività che metteranno in dialogo artisti e discipline anche molto diverse fra loro, ma che si ritroveranno sotto lo stesso comune denominatore dei sistemi complessi, tema di questa edizione.

Venerdì 7 settembre alle 16.00, parte il laboratorio dell’artista DEM, che per i tre giorni del festival, utilizzando sfalci vegetali e altri materiali naturali, insegnerà come costruire dei sonagli a vento da appendere. La prima giornata si conclude con la performance dell’artista Italo/francese, Ornette.

Sabato 8 alle 18.00 si assiste all’incontro a cura di David Morettini sul sistema complesso Uomo/Cane; mentre dovremo aspettare le 21.00 per goderci lo spettacolo che vede in scena Monica Bucciantini in The tragical History of the Life and Death of Doctor Faustus, liberamente attratto dallomonimo testo teatrale di Christopher Marlowe. Ideazione, regia e cura del testo – Massimo Conti.

Domenica 9 settembre il Festival si conclude con un incontro/tavola rotonda dal titolo lo Stato dell’Arte – sistemi complessi – Arte/Scienza, moderato da Giulio Sonno; ci salutiamo al tramonto con le performance delle due danzatrici e coreografe Ramona Caia e Agnese Lanza.

Il Tepidario del Roster, luogo monumentale di rilevanza storica e culturale situato all’interno del Giardino dell’Orticoltura di Firenze, è caratterizzato da una magnifica struttura interamente realizzata in ghisa e vetro. Durante l’evento di Fosca la serra non verrà alterata in nessun modo, anzi sarà valorizzata attraverso l’utilizzo di luci e un allestimento leggero e minimale. Questo approccio non invasivo, rispetto alla struttura, è una scelta tecnica perseguita fino dal primo anno -2015- atta a valorizzare l’architettura nella sua naturale composizione, ma anche una scelta artistica che vuole porre l’attenzione sulla capacità di comunicazione tra la forma d’arte e il luogo in cui essa si esprime, senza alterare ma sfruttando le caratteristiche naturali dell’una e dell’altra in un continuo gioco di rimando tra esterno ed interno, tra naturale e artificiale.

La pratica dell’arte – sotto qualunque forma essa si manifesti – è una pratica ricca ed articolata, che prevede una continua relazione di elementi diversi, in un movimento costante nel tempo e nello spazio, in cui i diversi atomi, dal singolo individuo, ai luoghi scelti, alle forme di manifestazione delle idee, trovano continue modalità di assestamento e rinascita.

Sistemi Complessi nasce proprio da questa considerazione: i luoghi d’arte forniscono un grado alto di complessità; ossia un insieme di componenti, che si dispiegano in gruppi e sottogruppi, in relazione tra loro, in una dimensione fluida e in movimento. Un sistema complesso non ha forme predefinite ne rigide, prevede una tridimensionalità d’iterazione e organizzazione. In una relazione costante tra possibilità, nuove forme di rappresentazione, creazione di nuovi tempi e nuovi spazi di abitare.

LEARNING FROM CONTEXT – Conference in Berlin 22-23 September 2017

Dear all, GuilmiArtProject will be discussed among other panels in the upcoming Berlin conference LEARNING FROM CONTEXT. Building Social Competences from Local Knowledge, to be held on Sept. 22-23 at the Aquarium, in Skalizater Str. 6. We anticipate that Lucia Giardino will not be smooth in telling the experience of GuilmiArtProject with the community of Guilmi, continuing this way the self-analyses mode inaugurated with mORALE the 2017 project by Cosimo Veneziano. Her intervention entitled: “GuilmiArtProject in the puddle scenario”, will be on the afternoon session of Sept. 22 starting at 15.30. The entire program can be downloaded here.
GuilmiArtProject will sure profit from the confrontation and dialogue that will take place in the two-day marathon in Berlin, which is hosting many international professionals architects, sociologists, and scholars from a great variety of disciplines.
Of course you are all invited!

The conference, promoted by Tesseræ, is the closing event of the EULER Erasmus Plus project coordinating training programs in the cities of Antwerp, Barcelona, London and Berlin. It aims at presenting the participatory toolsets developed by the local laboratories in the four cities and enhancing reflection, sharing and dissemination of the produced knowledge in a profitable confrontation with similar experiences.

Tesseræ is a platform to connect critical multidisciplinary research, art, education, communication and project development. It focuses on policies and practices dealing with social justice, urban renewal, urban peripheries, community-led processes, DIY culture and housing. Based in Berlin, Tesseræ works with local communities, independent and non-for profit organisations, as well as local, national and European institutions.